giovedì 26 marzo 2015

BRISEE MEDITERRANEA PER MTCHALLENGE


E' la mia prima sfida, non avete idea dello stress che ha comportato. Però sono soddisfatta del risultato, soprattutto sono strabiliata per il fatto che in questo mese ho imparato davvero un sacco di cose con Mtchallenge. La brisee di Michel Roux è senza dubbio la migliore che io abbia mai fatto, il ripieno quasi sparisce (nonostante sia il frutto di attento studio per cercare di equilibrare sapori e consistenze), davanti alla burrosità e croccantezza della pasta. Grazie!!

INGREDIENTI
Per la pasta:
250 gr farina 
150 gr burro freddo a dadini (io scelto quello tedesco)
1 cucchiaino di sale
1 pizzico di zucchero
1 uovo
1 cucchiaio di latte freddo
qualche foglia di alloro

Per il ripieno
4 cipolle bionde tagliate sottilissime (con mandolina possibilmente)
olio EVO qb
vino rosso
aceto balsamico
5 uova
150 ml di latte
1 cucchiaio di farina
1 cucchiaio di parmigiano
sale  e pepe qb
150 gr feta greca sbriciolata (non troppo piccola)

Per la pasta fate la fontana con la farina sale e zucchero, versate al centro uovo, latte e burro a dadini e mescolate velocemente con la punta delle dita fino ad ottenere una palla liscia, che metterete in frigo a riposare avvolta con foglie di alloro e pellicola. Io ce l'ho lasciata 24 h.
In una capiente padella stufate le cipolle con olio e sale, quando sono disfatte (dopo circa almeno 1/2 ora) aggiungete il vino e l'aceto e fate stufare ancora per altri 10 minuti. Fate raffreddare. 
Preparate una pastella con uova, latte, sale e pepe, farina e parmigiano,mescolando bene con una frusta. Foderate una tortiera con la pasta brisee, tenendo da parte qualche ritaglio. Versate le cipolle stufate e ben scolate dal liquido, poi la pastella e infine completate con la feta sbriciolata. Se volete potete decorare con i ritagli di pasta rimasti. Cuocete in forno già caldo a 200° per i primi 20 minuti, 160° per i restanti 30-40 minuti.

domenica 8 marzo 2015

POUND CAKE

 

Al primo morso di questa torta mi è venuto in mente il maestro Budicin, un pasticcere di Ruta di Camogli, che da sempre accompagna le mie estati (e non solo). Da quando non c'è più il mio papà in casa non compare più il suo plum cake, ma era una vera summa di delicatezza di sapori e consistenze: il burro crostificato all'esterno, la frutta candita profumata dentro. Questo è il dolce più vicino a quel plum cake che io abbia mai fatto. La parola d'ordine è ingredienti di ottima e ricercata qualità.
 
INGREDIENTI
260 gr farina bianca
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di bicarbonato
200 gr zucchero Zefiro (aromatizzato con baccello di vaniglia)
5 uova
225 gr di burro del Tigullio (o quello che avete da voi, l'importante è la freschezza e la bontà)
100 ml di latte
1 yogurt alla ciliegia di Vipiteno
 
Preparate uno stampo da plum cake grande e accendete il frono a 180°. In una ciotola con la frusta mescolate farina, lievito, bicarbonato e zucchero. A parte fondete il burro e mescolatevi le uova, il latte e lo yogurt. Unite impasto secco e liquido e mescolate bene con la frusta. Versate nello stampo e cuocete per circa 1 ora e 10 minuti, coprendo con un foglio di alluminio dopo 30 minuti, per non far bruciare la superficie del dolce.