mercoledì 21 dicembre 2011

MINI PANDOLCE GENOVESE

E qui devo ringraziare il maestro Roberto Avanzino per la passione e la tecnica che mi ha insegnato non molto tempo fa..Lui sosteneva che piccoli non vengono bene, con le dosi qui sotto si possono pezzare 4 pandolci di dimensioni normali. Io invece che sono testarda ho provato a cuocere la versione "mini" e sono venuti una delizia, poi ho aggiunto le ciliegie candite perchè se non c'è un po' di rosso non è Natale...Buon Natale a tutti voi!

INGREDIENTI (PER 24 PANDOLCINI)
350 gr burro
280 gr zucchero
3 uova
150 ml latte
250 gr uvetta sultanina
250 gr ciliegie candite
250 gr scorza arancio candita intera
250 gr cedro candito intero
500 gr farina bianca
30 gr lievito per dolci (2 bustine)
20 ml rum
150 gr pinoli
10 gr semi di finocchietto dolce

Tagliate a cubetti cedro e arancia e mettere uvetta e ciliegie a bagno nel rum. Montate burro e zucchero a metà tra una pasta frolla e un dolce morbido, ovvero il burro non deve essere morbidissimo, ma neanche a briciole come per la frolla. Aggiungete farina, uova, latte, lievito e mescolate velocemente. Robi questo procedimento lo ha fatto sul legno con il tarocco, io in una ciotola con la forchetta, l'importante è non usare le mani. Accendete il forno a 180° e preparate uno stampo da 12 muffin. Mescolate tutta la frutta secca con il finocchietto e unite i due composti. Suddividete la metà del composto nei 12 stampini (l'altra metà se la cuocete dopo la mettete in frigo) ed infornate abbassando a 160° per circa 40 minuti, devono essere scuri ma ancora leggermente molli al centro. Sfornate, fate raffreddare completamente e poi sformateli. Io li regalo ai miei parenti ed amici del sud, serviti con uno zabaione o una crema inglese possono essere un raffinato dessert di Natale.

martedì 13 dicembre 2011

THIS IS ENGLAND

Sì, perchè quando ho letto questa ricetta su Olive, una delle riviste di cucina che più preferisco, e sì è inglese, non italiana(!), sentivo già i profumi delle mie colazioni londinesi, pregustavo la fetta alta di una torta che ha dell'incredibile, davvero...


INGREDIENTI
200 gr datteri denocciolati
200 ml latte intero
250 gr burro
280 gr farina
1 bustina di lievito
4 uova
200 gr zucchero di canna scuro
1 cucchiaino di cannella
i semini di 1/2 bacca di vaniglia
1 limone
2 mele rosse (tre se sono quelle piccole, inglesi!!)




Mettete i datteri e il latte in un pentolino e scaldate fino ad ebollizione poi spegnete e fate raffreddare un po'. Con il frullino ad immersione frullate il composto fino a farlo diventare un purè. Tagliate le mele a fettine sottili, lasciando la buccia e spruzzatele con il succo di limone, mettete da parte. Accendete il forno a 180° e preparate una tortiera rotonda in silicone di 20 cm di diametro. Nel robot da cucina (che io non ho più, dopo 25 anni di meritata gloria mi ha lasciato, ho fatto a mano...) mescolate farina, lievito, zucchero (lasciatene da parte un paio di cucchiai da mettere sopra),burro, uova, la buccia del limone grattugiata, vaniglia e cannella. Aggiungete il purè di datteri e mescolate bene. Versate il composto nella tortiera e disponete sopra le fettine di mela, terminate con lo zucchero rimasto ed infornate per circa 1 ora.